La tecnologia digitale sta rapidamente trasformando la vita di tutte le persone e, di riflesso, anche il mercato e i processi di acquisto globali di beni e servizi.

Tale trasformazione coinvolge sia il momento di ricerca (abbiamo parlato qui dei “micro-momenti” di Google), sia il momento di acquisto, ma anche e soprattutto il periodo di post-vendita e customer care.
 


Appare quindi chiaro che le aziende che vogliano crescere ed evolvere devono concentrarsi sempre più sui clienti per guidare le attività, dalle operazioni allo sviluppo dei prodotti. E visto che ci troviamo in un epoca governata dalla digitalità è stato riscontrato che solo i brand che integrano tecnologie digitali avanzate e i dati necessari per creare esperienze personalizzate e utili ai clienti possono sperare in un aumento dei profitti a una velocità raddoppiata o triplicata rispetto alla concorrenza.

Gli esperti di Google hanno individuato alcune aree-chiave, online e offline, sulle quali intervenire:

  • Offrire assistenza durante l'intero percorso del cliente, i clienti vogliono essere invogliati, guidati e assistiti per tutto il processo di acquisto e nel periodo successivo ad esso, nessun segmento deve essere lasciato scoperto. A questo fine è utile tracciare un vero e proprio grafico del processo di acquisto, dalla ricerca alla post-vendita, per individuare i momenti-chiave in cui prestare maggiore attenzione;
  • Fornire solo esperienze digitali ottimizzate, ovvero strumenti informatici e multimediali performanti e orientati al cliente. E’ necessario, quindi, individuare il target preciso dei nostri clienti e analizzare i loro comportamenti nella piattaforma allo scopo di individuare distrazioni, passaggi poco chiari o eccessivi rallentamenti nell’esecuzione dei processi (il 95% dei siti web richiede un tempo di caricamento di due o più secondi, mentre il 50% delle persone abbandona i siti in media dopo 3 secondi). Pertinenza, Praticità e Velocità;
     
  • Misurare e automatizzare le fasi del percorso, grazie alle innovazioni in ambito di tecnologia mobile, le aziende ora possono unire i canali digitali e fisici per offrire un'esperienza personalizzata e integrata durante l'intero percorso, automatizzata e misurata in ogni fase per ottenere un feedback che permetta di migliorarsi ulteriormente;
     
  • Indicare la strada e permettiere ad altri di contribuire, le attività di Marketing digitale necessitano di tutto il supporto interno ed esterno possibile, è importante avvalersi del supporto dei centri di controllo interni ed anche di professionisti esterni (soprattutto nel caso di aziende medio-piccole) per stabilire una strategia in linea con i risultati che si vogliono ottenere e che, soprattutto, duri nel tempo.
     

 

Il marketing digitale integrato è la chiave per offrire stabilità e garanzia di crescita a tutte le aziende, anche nelle più piccole c’è bisogno di strutturare e seguire un piano che porti a una progressiva entrata nel mercato digitale e per farlo bisogna assolutamente investire tempo e risorse misurandone costantemente i risultati.

fonte: thinkwithgoogle.com

 

 

Davide Frate
Social media manager
Ossia, creatura mitologica metà uomo metà smartphone che si aggira per i labirinti dei social