Sapevate che la nostra capacità di concentrazione è di appena 8 secondi?
Sembra davvero poco, ma è proprio cosi!
Da un recente studio condotto da Microsoft in Canada è emerso che in quanto a capacità di concentrazione l'uomo viene battuto addirittura dal pesce rosso, che arriva a 9 secondi!
 

 



Complici anche la velocità di utilizzo dei dispositivi mobili e la frenesia delle nostre giornate, il dato è destinato a peggiorare. E, per chi gestisce un sito web, è diventato fondamentale riuscire a catturare l’attenzione del lettore in pochissimo tempo.

 

 

Ricordate: il vostro potenziale cliente ha solo 8 secondi per capire se il vostro sito contiene ciò di cui ha bisogno. In caso contrario, cercherà altrove.

 


 


Oggi vogliamo presentarvi alcune linee guida e 6 importanti suggerimenti su come dare valore ai contenuti del vostro sito web.

 



1. Pensate al target di riferimento


Prima di procedere alla stesura di un contenuto per il web, poniamoci queste domande:
 

  • Chi sono i nostri lettori?

  • Quali sono i loro interessi?

  • Qual è il loro obiettivo?


Non importa se cerchino un’informazione o un prodotto, l'importante è che arrivino velocemente a contenuti in linea con i loro bisogni.
Per capire come gli utenti arrivino alla nostra attività ci vengono incontro gli strumenti di Google, grazie ai quali possiamo conoscere quali sono le parole più cercate nei motori di ricerca.
Sarà proprio l’utilizzo di queste parole all’interno dei nostri contenuti che ci farà arrivare prima ai lettori.




2. Scrivere secondo la “tecnica della Piramide rovesciata”

 

La “Piramide rovesciata” è una tecnica di scrittura che consiste nell’esporre fin da subito il nocciolo della questione comunicando prima gli aspetti salienti, e subito dopo gli eventuali dettagli di approfondimento.
Ricordate il discorso della scarsa concentrazione? Se vogliamo che il lettore resti sul nostro sito niente preamboli o lunghe prefazioni, arriviamo al punto, subito.
Solo dopo potremmo inserire eventuali link o ulteriori dettagli: ben venga se saranno presi in considerazione, ma è fondamentale che il lettore non si perda la parte più importante.
 

 

 



3. Attenzione alla grammatica e alla sintassi

 

Ecco alcuni errori frequenti:
- più di un punto esclamativo o interrogativo a conclusione di una frase. Ne basta uno!
- i puntini di sospensione sono tre, non uno di più;
- attenzione alle lettere accentate, alle elisioni, ai troncamenti e agli apostrofi in generale;
- scrivere in forma attiva;
- fate attenzione alla lunghezza delle frasi: se ci sono troppe virgole all'interno dello stesso periodo, qualcosa sta scricchiolando. Cercate un punto di rottura... e mettetecelo, il punto!
- non scrivere in maiuscolo (vecchia regola di netiquette sempre valida).

In generale, se una forma grammaticale non vi convince, un vecchio trucco sempre valido è quello di riformulare il vostro concetto, cercando un'altra strada per arrivare a ciò che intendete esprimere.

 



4. Coinvolgere il lettore con la Call to Action

 

Per avere un testo più accattivante e coinvolgente consigliamo di inserire al suo interno frasi che richiamino a un'azione, che in marketingese si definiscono Call to Action.
Si tratta di frasi rivolte direttamente al lettore che lo faranno sentire partecipe.

Eccole alcune:
- E tu cosa ne pensi?
- Hai bisogno di maggiori informazioni? Contattaci…
- Lascia un tuo commento!
… e molte altre!





5. Formato dei testi e delle pagine

 

Anche la formattazione dei testi ha la sua importanza.
Lo stesso articolo formattato in maniera diversa potrebbe infatti avere diversi risultati
Quindi:
- mai tralasciare la suddivisone in paragrafi o spazi bianchi: facilitano la lettura tramite schermo, cosi come gli elenchi puntati o numerati;
- usare il bold per mettere in risalto le parole più importanti;
- evitare la sottolineatura che, essendo usata principalmente per i link, potrebbe confondere il lettore.
- evitare la formattazione giustificata: le “frastagliature” dei bordi delle righe sono un riferimento importante per gli occhi di un lettore, specialmente se si devono “affrontare” delle letture parecchio corpose.
 

 

 




6. Usate parole capaci di catturare l’attenzione

 

Esistono delle parole-magnete in grado di catturare fortemente l’attenzione di tutti i lettori.
Chi di noi non è mai rimasto attratto da parole come Novità, Promozione, Gratis?
Ecco, queste parole sono una vera e propria calamita, ma devono essere usate con cautela e consapevolezza!
 



E voi, cosa ne pensate di questi consigli?

Se avete bisogno di una nostra consulenza contattateci!


 



Valentina Crispi
Content manager
Ossia, colei che legge e rilegge e corregge e rilegge ancora, fino all'infinito